ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI LONDRA SBARCA IL VOLUME SULL’EMIGRAZIONE DELLA COLLANA EDITORIALE

IMPORTANTE VETRINA PER LA BANCA DELL’IDENTITA’ E DELLA MEMORIA DELLA GARFAGNANA

Da poco terminata  l’esperienza alla rassegna internazionale delle tecnologie e dei beni culturali tenutasi a Lucca lo scorso mese di ottobre – Lu.BE.C 2012 – un altro importante evento ha interessato la Banca dell’Unione Comuni Garfagnana che ha presentato  all’Istituto Italiano di Cultura di Londra il volume della collana editoriale “Mi par cent’anni che vi hò lasciati” –  L’emigrazione dalla Garfagnana  – di Lorenza Rossi, tassello prezioso nel mosaico di studi dedicati alla storia della nostra emigrazione.

La Garfagnana, infatti, ha largamente vissuto l’esperienza migratoria che, conosciuta in tutte le sue fasi – dalla «grande emigrazione» a quella del Secondo Dopoguerra – ha portato gli abitanti di questa terra a vivere e a lavorare in molti paesi d’Europa e d’oltreoceano.

Le pagine del libro confermano, infatti, una volta di più che l’emigrazione è fenomeno estremamente complesso, ricco di risvolti psicologici, sociali, economici e culturali; le condizioni di vita di partenza, le «informazioni» disponibili sulle nuove destinazioni, le pratiche burocratiche affrontate, la realtà del viaggio e quella dell’arrivo, e poi la «nuova vita», i lavori svolti, le attività intraprese, una lunga «epopea», fatta certamente di sofferenza e di sacrificio, ma anche di coraggio e successi.

Aver conosciuto e sperimentato l’emigrazione, e recuperarne la sua storia, significa  poter contare su una eccezionale risorsa di conoscenza e sensibilità  e non disperdere,  ma mantenere vivi e rafforzare, i tanti rapporti che le comunità dei nostri emigranti continuano a tenere con la loro terra d’origine anche in funzione del recupero di potenziali fruitori del territorio e delle attività economiche.

Questo libro che risponde perfettamente a queste due fondamentali esigenze, è stato presentato e inserito nella biblioteca dell’Istituto di Cultura d’Italia a Londra e messo a disposizione del pubblico e degli studiosi che desiderano approfondirne l’argomento. Un importante vetrina – l’Istituto di Cultura, quale centro propulsore di iniziative ed attività di cooperazione culturale e punto di riferimento essenziale per le collettività italiane e per la crescente domanda di cultura italiana che si registra nel paese,  quale luogo di incontro e di dialogo per intellettuali, artisti ed altri operatori culturali, ma anche per i semplici cittadini, sia italiani che stranieri, che vogliono instaurare o mantenere un rapporto con il nostro Paese e la Garfagnana.